PREFAZIONE

La storia di un territorio è legata, per lo più, a testimonianze giunte ai nostri tempi mediante il restauro e la conservazione di patrimoni artistici trascurando, a volte, documenti e immagini tramandati attraverso i secoli dalla ricca documentazione custodita in archivi dai quali è possibile ripercorrere a ritroso le tradizioni e la vita del contado rurale.


Questa pubblicazione diventa, quindi, un’opera meritoria in quanto, attraverso un excursus storico, culturale, agronomico ed economico, riporta all’attenzione dell’opinione pubblica le “virtù” dell’Oliva Ascolana del Piceno, fornendo la reale identità di questa antichissima cultivar di olivo e delle sue olive, che tuttora sono ambasciatrici nel mondo di una “cultura gastronomica” esclusiva del territorio piceno custode, ancora oggi, di tesori frutto della terra degni di essere collocati nel gotha internazionale dei prodotti agricoli tipici.


Una pubblicazione che nel suo articolato di capitoli e di temi trattati, non solo offre elementi legati a una interessante informazione sull’oliva ascolana del Piceno, ma pone e propone soluzioni progettuali per “rinverdire” la presenza di questa cultivar sul territorio.


Un impegno che l’amico e accademico Francesco Lucidi ha iniziato da tempo con entusiasmo trasferendovi professionalità, in una sfida non certamente nuova per lui che, come agronomo e esperto ha vissuto, e vive, in prima persona, esperienze che lo hanno portato ad assumere ruoli di primaria importanza nella formulazione e nella gestione della politica agricola internazionale.
L'“Oliva Ascolana del Piceno” che quanto prima potrà fregiarsi del riconoscimento dell’Unione Europea come prodotto DOP a conferma del lungo e defatigante lavoro svolto anche da qualificati esperti e rappresentanti di Enti e Organizzazioni locali quali l’APOAT, la Camera di Commercio di Ascoli Piceno e l’Amministrazione Provinciale che hanno dato fiducia a Francesco Lucidi nel portare avanti un progetto divenuto oggi realtà.

 

                                                                             Antonio Ricci
Presidente dell’Accademia Agraria in Pesaro

 

 

INDICE